Il Sigillo di Famiglia, la storia di un antico e nobile casato siciliano sarà presentato nella splendida cornice del Castello di Donnafugata

La storia di un’antica famiglia, le testimonianze preziose di donne nobili e di una Sicilia che non esiste più

Sarà presentato nella splendida cornice del Castello di Donnafugata Il Sigillo di Famiglia, un libro che ripercorre la storia di un antico e nobile casato siciliano, gli Arezzo i cui membri, nel corso dei secoli, hanno contributo a grandi cambiamenti in Italia e in Europa.  Un curioso intreccio di parentele lega questa famiglia al 35° presidente degli Stati Uniti, John Fitzgerald Kennedy, e ai Principi Grimaldi del Principato di Monaco.  Il libro racconta la storia attraverso un giovane membro della famiglia a cui viene affidato un vecchio manoscritto con tutte le memorie storiche del casato e con aneddoti singolari riguardanti vari personaggi: ufficiali di corte, cavalieri di Malta, un cardinale, una beata e perfino una dissoluta dama di compagnia.  Una meravigliosa villa e un manoscritto, continuamente aggiornato, sono gli spunti che danno vita a questo intrigante romanzo che porta il lettore a fare una passeggiata tra arazzi, antichi sigilli e vecchi ricordi che il tempo  non è riuscito a cancellare.

Il romanzo, oltre ad essere la storia di un’antica famiglia e di una Sicilia che non esiste più, il che lo fa risultare interessante soprattutto dal punto di vista storico, è  anche il racconto molto intimo del rapporto tra un  figlio ed il proprio padre. Il testo è molto fluido ed accattivante, privo di barocchismi ed il lettore è come accompagnato, senza neanche rendersene conto, attraverso un’accurata ricostruzione di accadimenti storici notori, fatta con una meticolosità che non troveremo altrove. L’autore, Michelangelo Arezzo di Trifiletti pur trattando di propri antenati, riesce mirabilmente a mantenere un atteggiamento di distacco e imparzialità nell’esposizione della trama, lasciando trasparire istintivi sentimenti di simpatie, ma anche di antipatie verso alcuni personaggi del romanzo. Il libro si accosta bene agli obiettivi portati avanti dall’Associazione monrealese Donnattiva, che collaborerà alla promozione del volume in Sicilia. Uno dei capitoli, infatti é dedicato a tracciare un profilo storico su alcune donne della nobile famiglia, con testimonianze preziose che le donne hanno lasciato nella storia, qualI: descrizioni di situazioni sulle alterne vicende amorose, testimonianze di spose infelici, costrette a sposare uomini che non amavano. Insomma, una situazione che rispecchiava la situazione sociale di quei tempi con vantaggi e svantaggi.

Michelangelo Arezzo di Trifiletti 

One thought on “Il Sigillo di Famiglia, la storia di un antico e nobile casato siciliano sarà presentato nella splendida cornice del Castello di Donnafugata

  1. Un viaggio nel tempo, per gli amanti delle descrizioni minuziose e dettagliate che danno vita ad immagini limpide, in grado di far rivivere l’atmosfera di una Sicilia ormai lontana, e tutto questo “senza doversi sforzare più di tanto…”(cit. M.A.)
    Riaffiorano le profonde emozioni di quei momenti in cui un padre, o un nonno, raccontano, e si rimane lì, assorti, in silenzio ad ascoltare.
    Particolari che riportano alla luce quella nobiltà italiana dalla straordinaria eleganza ed esclusiva bellezza… se non fosse che… lo scandalo è sempre dietro l’angolo! D’un tratto il ritmo diventa incalzante, improvvisamente i giochi di potere (è proprio il caso di dirlo) a cui l’aristocrazia non ha mai potuto sottrarsi, destano profonda curiosità e intrigano il lettore, al quale non rimane altro che arrivare fino alla fine…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...