A tutti voi

La lettera di Federica Molè al padre Gianni Molè

L’emozionante lettera di Federica Molè per suo papà Gianni letta nell’ambito del premio Donnattiva nella Sezione dedicata alla Memoria che si è svolta ieri a Villa Malfitano. Ha ritirato il premio Franco Nicastro, amico di Gianni e consigliere dell’Ordine Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti alla presenza del Segretario dell’Associazione Siciliana della Stampa Roberto Ginex
L’iniziativa è stata patrocinata dall’Associazione Siciliana della Stampa e dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia.

Ha letto la lettera la giornalista Maria Carmela Torchi, amica e collega

Carissimi colleghi & colleghe,
Nel chiedervi scusa per non essere tra voi in questa giornata di premi e
commemorazioni che vedono protagonista anche la figura di mio padre,
scomparso inaspettatamente otto mesi fa, vi scrivo qualche parola dettata dal
cuore per ringraziarvi immensamente dell’affetto dimostrato a noi come famiglia e
a lui come uomo e professionista stimato.
Usare le parole ‘commemorazione’ e ‘scomparso’ nella stessa frase facendo
riferimento a mio padre mi crea un brivido lungo tutta la schiena.
Purtroppo, nonostante io abbia già trascorso un inverno ed una primavera senza di
lui, il vuoto che ha lasciato è enorme, grande come una voragine che si apre nel
terreno rischiando di inghiottirti, ma bisogna attaccarsi con tutte le proprie forze
alle pareti della roccia per evitare che ti risucchi completamente perché noi siamo
rimasti qui, in questa terra, in questo mondo e dobbiamo continuare a vivere anche
per chi avrebbe voluto godere del sole tutte le mattine, al risveglio.
Mio padre era come un dio greco per me. Immortale. Un re sole. Splendeva di luce
propria e tanti erano colpiti dalla sua bellezza interiore. Era davvero un uomo di
una grande bontà d’animo, un padre sempre presente e meraviglioso come pochi,
un amico vero e un professionista stimato, un grande giornalista che mi ha
trasmesso l’amore per questo fantastico ma ingrato mestiere.
Pensare che non appartenga più a questo mondo è ancora una ferita troppo
aperta per me, per cui spero che mi perdoniate se oggi non sono lì con voi, nella
punta della Sicilia che lui adorava, ma ho voluto preservare e tutelare la mia sfera
emozionale.
Sarebbe stato molto forte per me essere in mezzo ai suoi colleghi e amici, persone
che lui apprezzava professionalmente e umanamente, persone che ho sentito
nominare tantissime volte e che nel mio periodo palermitano mi sono state vicine e
mi hanno aiutato, in nome di quella forte amicizia che c’era con lui.
Il fatto che gli sia stata intitolata la sala conferenze all’interno dell’edificio dell’ex
Provincia di Ragusa o che tanta gente, tanti colleghi, come voi in questo caso, lo
ricordi assegnandogli un premio, mi riempie il cuore e m’inorgoglisce. Ho sempre
saputo di avere un padre eccezionale sia come figura paterna che come uomo, e
queste vostre azioni ne sono la conferma. Ne sono contenta, ma al contempo tutto
questo mi intristisce. E’ l’ennesima riprova dell’ingiustizia come caratteristica
principale di questa vita.
A tutti voi
Sono felice che a ritirare il premio sia Franco Nicastro, amico di papà, uno di quegli
amici veri, di quelli che non si tirano indietro, di quelli che ti aiutano anche se c’è
da smuovere mari e monti. Franco e papà condividevano la passione per il
giornalismo e le loro discussioni erano sempre di altissimo livello culturale.
Si stimavano l’un l’altro e papà. Ricordo che quando andai a Palermo, mi disse: “se
hai qualche dubbio, chiedi a Franco. Sa tutto di Palermo e della sua storia”.
Vi ringrazio davvero di cuore per avergli dedicato questo premio. Sono contenta
che sia all’interno di una rassegna dedicata alle donne, lui padre di due figlie
femmine che amava tantissimo. Io, mamma e Giulia eravamo i suoi girasoli e lui il
pavone che spiegava le sue piume, come solo un vero Re Sole avrebbe potuto
fare.
Grazie Franco,
Grazie Ina,
Grazie a tutti a voi di cuore.
Federica Molè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...