statuto

STATUTO  DENOMINAZIONE SEDE

Articolo 1

– E’ costituita un’associazione senza scopo di lucro denominata “DonnAttiva” con sede in Monreale (PA) Via Salita Valenza n. 3
DURATA

Articolo 2

– La durata dell’associazione è a tempo indeterminato, salvo lo scioglimento deliberato dell’Assemblea secondo le ipotesi previste dal codice civile.

OGGETTO E SCOPO

Articolo 3

– L’Associazione è apartitica e non ha scopo di lucro. Le finalità dell’Associazione sono: promuovere e sostenere attività culturali, professionali, politiche, sociali, formative e ricreative rivolte al complessivo sviluppo della società con particolare riguardo alla situazione femminile; favorire la creazione di una rete tra donne che svolgono attività diverse in ambito professionale, culturale, sociale, politico, al fine di promuovere la cooperazione, lo scambio di esperienze, la valorizzazione delle singole competenze;  promuovere la consapevolezza collettiva dell’importanza del ruolo delle donne al fine di sostenere la loro partecipazione attiva nella gestione della società e di rafforzare la loro presenza nelle istituzioni; promuovere iniziative di cooperazione nazionali ed internazionali nel campo delle pari opportunità;

·        sostenere ed organizzare azioni formative rivolte alla promozione e all’orientamento dell’occupazione femminile;

·        relazionarsi con le istituzioni al fine di attuare le finalità contenute nelle leggi, nei regolamenti e negli statuti degli enti per la promozione delle pari opportunità;

·        curare e promuovere azioni volte a tutelare i soggetti deboli contro ogni forma di discriminazione o sopraffazione; realizzare attraverso l’istituzione di un centro di ascolto la lotta e  la prevenzione della violenza di genere e l’assistenza alle donne vittime di violenza;

·        curare la realizzazione di una banca dati delle competenze al femminile in tutti campi, professionale, politico, sociale, culturale, artistico, ludico, letterario, familiare;

·        intervenire nel campo dell’educazione, della formazione e della didattica per favorire lo sviluppo, nei giovani, di una coscienza sensibile ai problemi della società moderna, dell’ambiente e di un equilibrato rapporto tra essere umano e natura;

·        promuovere attività legate ai principi solidaristici e mirate al coinvolgimento delle realtà sociali e culturali, lotta contro ogni forma di sfruttamento, di ignoranza, di ingiustizia, di discriminazione e di emarginazione;

·        promuovere ed organizzare ogni forma di volontariato attivo dei cittadini, soci e non, al fine di salvaguardare e recuperare quello spirito sociale e comunitario tra di essi, anche attraverso la collaborazione con altri enti o associazioni.

·        informare i cittadini del territorio di quanto accade sullo stesso, degli atti amministrativi compiuti, mediante  conferenze stampa, giornali, opuscoli, mezzi mediatici e telematici;

·        attuare e gestire, direttamente o per conto terzi, iniziative di carattere culturale, turistico, sociale, ricreativo, economico, sportivo, ed ogni altra iniziativa negli Enti locali, Istituti, Università, ecc., che favoriscono un’utilizzazione del tempo libero produttiva dal punto di vista culturale e formativo;

·        svolgere ed organizzare in proprio o con la collaborazione di altri organismi ed enti culturali, politici, sociali, istituzionali, attività culturali, del tempo libero, gruppi di studio, seminari, riunioni, assemblee, cenacoli con la guida di un relatore o meno, manifestazioni, incontri e corsi speciali, dibattiti, conferenze, convegni, mostre, feste attività varie nei settori dei beni culturali, delle tradizioni e della cultura (teatro, cinema, letteratura, musica, arti, formazione ecc.);

·        promuovere l’acquisizione, la gestione, la produzione di pubblicità, la produzione e la vendita di stampati, anche periodici, audiovisivi, filmati ed altro materiale attinente allo scopo sociale;

·        promuovere, organizzare e gestire, in proprio o con la collaborazione di terzi, eventi artistici, manifestazioni spettacolo, feste ed incontri, concerti e attività musicali in genere, attività di formazione, laboratori sperimentali di musica, cinema, discografia, grafica e grafica pubblicitaria, attività discografiche, attività editoriali, attività culturali, attività fotografiche ed arti visive in generale, attività turistiche ed agrituristiche e attività sociali.

2. L’Associazione non può svolgere attività diverse da quelle indicate al punto 1 del presente Articolo, ad eccezione di quelle direttamente connesse ed accessorie per natura. 

L’Associazione si avvale per il proprio funzionamento dell’attività volontaria e gratuita delle proprie associate. Per il raggiungimento degli scopi statutari l’associazione potrà avvalersi dei professionisti esterni singoli o collettivi quali istituti di ricerca, enti specializzati, attraverso appositi accordi e convenzioni.

ISCRIZIONE ASSOCIATE

Articolo 4

L’iscrizione avviene con il pagamento della quota associativa annuale e comporta il rispetto delle norme statutarie.
Il Direttivo stabilisce la quota di iscrizione annuale che dovrà successivamente essere rinnovata ogni anno entro il 30 maggio.Per i primo anno la quota viene stabilita in Euro 10,00 (dieci/00). Il pagamento della quota di iscrizione è condizione necessaria per l’esercizio del diritto di voto in tutte le deliberazioni sociali.

DIRITTI E OBBLIGHI

Articolo 5

– L’associata partecipa alle attività promosse dall’Associazione, fa parte dell’Assemblea e in essa esprime il proprio voto in relazione alle decisioni deputate all’Assemblea medesima.

L’associata individuale è tenuta all’osservanza dello Statuto, degli eventuali Regolamenti dell’Associazione e delle deliberazioni assunte dagli organi sociali.

L’associata ha l’obbligo del pagamento della quota associativa individuale. La qualità di associata si perde in seguito a recesso, mancato pagamento della quota, esclusione. Nelle more della decisione di esclusione dell’Assemblea, il Direttivo potrà disporre la sospensione cautelare di un’associata. La sospensione comporta la sospensione dall’esercizio dei diritti spettanti alla socia nell’ambito dell’Associazione. L’esclusione sarà deliberata dall’Assemblea qualora sia constatato un comportamento contrario ai principi dell’Associazione o l’inosservanza dello Statuto, degli eventuali Regolamenti e delle deliberazioni assunte dagli organi direttivi. La qualità di associata non è trasmissibile. L’associata può sempre recedere dall’Associazione, dandone comunicazione scritta alla Presidente. Le associate che abbiano receduto o siano state escluse o che in ogni caso abbiano cessato di appartenere all’Associazione non possono ripetere i contributi versati, né hanno alcun diritto sul patrimonio dell’Associazione.

SOSTENITRICI E SOSTENITORI

Articolo 6

– Sono tutti coloro che pur non facendo parte dell’Associazione versano ad essa un contributo, perché ne condividono gli scopi e le finalità.

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Articolo 7

– Sono organi dell’Associazione: l’Assemblea delle iscritte (indicata d’ora in poi come Assemblea), il Consiglio direttivo (indicato d’ora in poi come Direttivo), la Presidente ed la vicepresidente .  

L’ASSEMBLEA

Articolo 08

– E’ composta dalle iscritte effettivamente presenti e si riunisce a seguito di convocazione scritta della Presidente a tutte le socie inviata almeno 15 giorni prima.

L’Assemblea potrà inoltre essere convocata nei casi di particolare urgenza , con convocazione via mail della Presidente a tutte le socie inviata almeno 24 ore prima.

L’Assemblea esamina i problemi di ordine generale e fissa le direttive per l’attività dell’Associazione, adotta i provvedimenti disciplinari.

L’Assemblea ordinaria viene convocata una volta l’anno per l’approvazione del bilancio. Nomina ogni due anni le componenti del Direttivo. In via straordinaria l’Assemblea sarà convocata ogni volta in cui il Direttivo ne ravvisi l’opportunità o quando ne facciano richiesta 1/10 delle socie.

L’Assemblea straordinaria può proporre al Direttivo mozioni generali o specifiche.

L’Assemblea straordinaria, espressamente convocata allo scopo, provvede alla modifica dello Statuto da approvarsi con il voto favorevole di almeno due terzi delle presenti votanti. Nelle votazioni dell’Assemblea ogni associata non può raccogliere più di una delega da parte di altra associata.

IL DIRETTIVO

Articolo 09

– E’ composto da almeno cinque associate elette ogni due anni dall’Assemblea.

Il Direttivo nomina nel suo ambito la Presidente, la vicepresidente, la tesoriera, che insieme costituiscono l’Ufficio di Presidenza.

Il Direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione e ne promuove e coordina le attività.

Il Direttivo si riunisce almeno una volta ogni due mesi con convocazione scritta della Presidente da darsi almeno tre giorni prima della riunione.

Il Direttivo viene convocato ogni volta che la Presidente lo ritenga opportuno e quando ne faccia richiesta un terzo delle sue componenti con l’indicazione dei punti da porre all’ordine del giorno. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza di almeno metà delle sue componenti e le decisioni sono prese a maggioranza delle presenti.

Il Direttivo fissa l’ammontare delle quote sociali ,delibera le iscrizioni delle nuove associate e vigila sull’effettivo perseguimento degli obiettivi statutari.

Il Direttivo potrà fissare regolamenti interni in attuazione del presente Statuto. I lavori del Direttivo saranno verbalizzati in un apposito registro che sarà sottoscritto (al termine della riunione) dalla Presidente.

LA PRESIDENTE

Articolo 10

– La Presidente del Direttivo è anche Presidente dell’Associazione ed è nominata ogni due anni dal Consiglio nel proprio ambito. Alla Presidente sono conferiti i poteri legali e di rappresentanza dell’Associazione di fronte ai terzi e in giudizio.

La Presidente sovrintende all’attuazione delle deliberazioni dell’Assemblea e del Direttivo. La gestione e la raccolta dei fondi dell’Associazione è affidata a una Tesoriera che li amministrerà e utilizzerà per il raggiungimento degli scopi associativi sulla base degli indirizzi del Consiglio Direttivo. La Tesoriera ha il compito di tenere i libri contabili e di predisporre annualmente il bilancio da sottoporre all’Assemblea.

RISORSE ECONOMICHE E PATRIMONIO

Articolo 11

Le risorse economiche per il conseguimento degli scopi del Centro e per le sue spese di funzionamento sono costituite:

a) Dalla quota di iscrizione stabilita da Direttivo, da versarsi all’atto dell’ammissione dell’Associazione;

b) Dalle quote sociali annue stabilite dal Direttivo;

c) da eventuali proventi derivanti da attività associative (manifestazioni e iniziative);

d) da ogni altro contributo, ivi comprese donazioni, sovvenzioni e lasciti che socie e soci, non soci, enti pubblici o privati, diano per il raggiungimento dei fini dell’Associazione. Nel corso della vita dell’Associazione i singoli associati non possono chiedere la divisione delle risorse comuni.

ESERCIZI SOCIALI

Articolo 12

– L’esercizio sociale inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno, e con la chiusura dell’esercizio verrà formato il bilancio che dovrà essere presentato all’Assemblea per l’approvazione.

SCIOGLIMENTO

Articolo 13

– In caso di scioglimento l’Assemblea designerà uno o più liquidatori determinandone i poteri. Il patrimonio risultante dalla liquidazione non potrà essere diviso tra le socie, ma sarà devoluto secondo le indicazioni dell’Assemblea.

REGOLAMENTO INTERNO

Articolo 14

– Particolari norme di funzionamento e di esecuzione del presente Statuto potranno essere eventualmente disposte con regolamento interno da elaborarsi a cura del Direttivo in base alle direttive stabilite dall’Assemblea.

CLAUSOLA COMPROMISSORIA

Articolo 15

– Ogni controversia eventualmente insorta tra associati e Associazioni sarà devoluta a un collegio arbitrale composto da un membro scelto da ciascuna parte in causa, e da un Presidente designato di comune accordo fra gli arbitri o in mancanza dal Presidente del Tribunale di Palermo RINVIO Articolo 16 – Per tutto quanto non è previsto nel presente Statuto si fa rinvio alle norme di legge e ai principi generali dell’ordinamento giuridico italiano.